Ti è mai capitato di camminare su un marciapiede in primavera/estate pensando: quanto è bella questa pianta così colorata! Oppure non vedo l’ora che arrivi la bella stagione per vedere i primi germogli. Si tratta di periodi dell’anno caratteristici, ricchi di spettacoli naturali.

Anche l’autunno regala ai suoi spettatori moltissimi scenari: le foglie secche che cadono e colorano le strade di rosso e arancio contribuiscono ad arricchire i paesaggi.

Dedichiamo il nostro appuntamento mensile dello “Chef” Ugo Toppi per parlare di alcune piante ornamentali che possono abbellire i tuoi spazi interni ed esterni nei mesi ottobre e novembre.

 

Ortensia: la pianta scenografica per eccellenza

Ugo: si tratta di una pianta proveniente da Cina, Giappone e America meridionale. Oltre ad essere estremamente bella, è in grado di cambiare il colore dei petali dei suoi fiori in base alla maggiore o minore acidità del terreno, fattore che contribuisce a renderla unica.

L’ortensia è una pianta che preferisce un clima fresco e mite con temperature non troppo elevate pertanto potresti pensare di posizionarla all’ombra.

Durante l’inverno invece il consiglio è quello di ricoprire il terreno con foglie o paglia.

Prima di procedere con la messa a dimora della piantina, effettua una vangatura profonda del terreno in modo da ammorbidirlo: qualora dovessi decidere di procedere con la concimazione, ricorda di scegliere i fertilizzanti naturali.

L’ortensia richiede annaffiature abbondanti in modo da mantenere il terreno sempre umido: assolutamente da evitare però i ristagni d’acqua. Come ultima postilla, non dimenticare che le annaffiature devono essere più abbondanti durante il periodo della gemmazione e meno frequenti in seguito alla fioritura.

 

Cavolo ornamentale: l’ideale per terrazzo e giardino

Ugo: iniziamo con alcune nozioni teoriche ma fondamentali per comprendere la storia di questa pianta.

Il cavolo ornamentale – lo lascia intendere proprio il suo nome – viene utilizzato principalmente a scopo decorativo nei paesi del Nord.

Si tratta di una pianta che, come il cavolo cappuccio o la verza, presenta una rosetta centrale formata da numerose foglie alterne con lamina profondamente incisa, priva di stipole e ricce ai bordi.

La caratteristica di questo esemplare è che nonostante abbia bisogno di luoghi luminosi e soleggiati per diverse ore al giorno, riesce a resistere anche a temperature molto rigide. Inoltre, si adatta facilmente a qualunque tipo di terreno sciolto, umido e ben drenato.

Necessita di annaffiature regolari e costanti, soprattutto nei periodi di prolungata siccità, in modo da mantenere il terreno sempre umido.

Se inserito al centro di un vaso, si comporta come un vero e proprio protagonista della scena! Proprio per questo potresti utilizzarlo per decorare le tue aiuole. Un altro pregio del cavolo ornamentale è che, adattandosi facilmente, convive con altre specie come ad esempio il crisantemo!

 

Crisantemo: i diversi significati della pianta nel mondo

Ugo: Sicuramente avrai già avuto modo di vedere i ciclamini a casa di qualche amico e parente.

Si tratta infatti di una pianta conosciutissima sin dall’antichità, la cui coltivazione è possibile sia in un vaso che in giardino.

È l’ideale per abbellire i propri spazi ma anche da regalare, perché le piccole foglie ricordano la forma di un cuore ed esistono di diverse tonalità: bianche, rosa, rosse e porpora.

Ognuno di questi colori potrebbe essere associato ad un messaggio da dedicare. Il bianco, ampiamente conosciuto per la purezza, il rosso per la passione, il rosa per esprimere amicizia ed affetto e il porpora, un delizioso mix per manifestare l’intensità di un sogno realizzato.

Puoi scegliere di coltivare il ciclamino sia in vaso che in giardino, a seconda dello spazio che hai a disposizione. Ricorda però che nonostante i suoi colori siano molto accesi, preferisce stare all’ombra piuttosto che al sole e la sua temperatura ideale è compresa tra i 6 ed i 18 gradi.

Si annaffia quando il terriccio è asciutto, senza focalizzarsi sulla parte centrale della pianta.

 

Altri esemplari autunnali presenti nel nostro Garden

Oltre all’ortensia, il cavolo ornamentale ed il crisantemo,visitando il nostro garden avrai la possibilità di trovare altri esemplari tipici della stagione autunnale.

  • Calluna, una pianta dall’origine Europea, che inizia la sua splendida fioritura nel mese di agosto fino a novembre. Si tratta di un arbusto sempreverde di piccole dimensioni, la cui caratteristica principale è quella di avere delle foglie minute, squamiformi, riunite in parallele lungo i rami. Rimane bella a lungo! Un consiglio particolare dopo il suo acquisto? Sicuramente è importante rinvasare al più presto, utilizzando un terriccio per piante acidofile. Alla nostra amica Calluna bastano poche e semplici attenzioni: innaffiare quando il terreno si asciuga e concimare ogni 10-12 giorni. Vuoi scoprire maggiori informazioni? Scopri la scheda dedicata alla pianta!
  • Erica, un arbusto nano, cespuglioso, per lo più rustico e sempreverde. È adatto sia per ambienti interni che esterni, ed è caratterizzato da foglie strette, lineari o aghiformi, e da una fioritura duratura che sfoggia fiori solitari. È innamorata della luce e del sole diretto, ma proprio per questo ha bisogno di maggiore innaffiatura. Nella scheda dedicata alla cura della pianta avrai la possibilità di scoprire tutte le informazioni sul: substrato, esposizione, temperatura, concimazione, rinvaso e potatura!

 

  • Hebe, una pianta arbustiva ornamentale facile da coltivare in vaso e in piena terra nel giardino, apprezzata per il suo fogliame decorativo e per la sua prolungata e cospicua fioritura. Ama i luoghi soleggiati per molte ore del giorno. Teme il freddo e i venti gelidi. Le piante allevate in vaso, nel periodo invernale, vanno trasferite in zone protette. Si sviluppa bene in qualunque tipo di terreno anche se predilige quello soffice, umido, fertile e ben drenato. Scopri maggiori dettagli sulla sua cura!

 

  • Abelia, ha un portamento tondeggiante e gli esemplari di alcuni anni raggiungono l’altezza e la larghezza di 100-120 cm; i lunghi fusti, scarsamente ramificati, sono rossastri e tendono ad arcuarsi allungandosi. Le foglie sono ovali, dentellate, di piccole dimensioni, curiose, di un bel verde scuro e lucido; le nuove foglie sono color bronzo, e in autunno tutta la pianta assume questo gradevole colore. In estate produce una profusione di piccoli fiorellini a trombetta, di colore bianco-rosato, che persistono fino ai primi freddi; il frutto è un achenio legnoso, contenente un singolo seme. Puoi trovare tutti i dettagli nella sua scheda dedicata!

Visita il nostro reparto piante e fiori  per scoprire insieme al nostro staff tutti gli esemplari autunnali e preziosi consigli su come curarli.

Ti aspettiamo