2019-05-20-Toppi-Orto-Balcone-Rubrica

 

Sta arrivando l’estate! Quando le temperature si alzano sono moltissime le persone che preferiscono consumare alimenti freschi rispetto ad un piatto caldo.

Non ti è mai capitato di aver voglia di mangiare qualcosa ed aver terminato il tuo ingrediente preferito?

Andare al supermercato è indispensabile, ma a volte risulta anche una seccatura! E se trovassimo la soluzione per farti avere cibi sani e salutari a portata di mano?

Vuoi iniziare una nuova ed entusiasmante avventura con lo staff del reparto Piante e Fiori? Che cosa ne pensi di realizzare insieme a noi un semplice orto sul balcone?

Ora non lasciarti assalire da mille dubbi e domande, il nostro compito è quello di presentarti alcune regole per renderlo possibile!

Iniziamo ponendoti una semplice domanda: credi che un orto possa essere realizzato solo in grandi spazi? Sfatiamo questa credenza: anche un piccolo balcone può essere ben coltivato, specie con ortaggi, e dare la grande soddisfazione di mangiare a tavola i propri prodotti realizzati a chilometro zero.

 

 

Quali sono le regole da seguire per realizzare l’orto sul balcone?

Prima di realizzare un orto ci sono moltissimi fattori da tenere in considerazione.

Ad esempio, se il tuo balcone è inondato di luce tutto il giorno, hai la fortuna e la possibilità di piantare diverse varietà di verdura!

Se sei un principiante e vuoi fare esperienza, il nostro consiglio è quello di iniziare da ortaggi a ciclo breve, oppure con le classiche erbe aromatiche.

 

Basta con la teoria, iniziamo a testare il terreno veramente ora, ecco i consigli pensati dal nostro esperto:

  1. Compra piantine già cresciute, da poter trapiantare in vaso;
  2. Non sottovalutare la dimensione del vaso: dovrà essere direttamente proporzionale a quello che vuoi piantare. Per crescere bene, i vegetali devono possedere il loro spazio vitale. Dopo aver scelto il contenitore giusto, posizionalo alla giusta distanza dagli altri. Informati, quindi, su quanto spazio deve intercorrere tra una piantina e l’altra, a seconda della loro specie;
  3. Una volta ultimato l’acquisto, prepara il fondo con argilla espansa oppure della ghiaia;
  4. Scegli il terriccio ideale!
  5. Quando trapianti le piantine, fai attenzione e innaffiale bene. Tiene a mente che, più fa caldo e più è necessario innaffiarle, specialmente ai bordi del vaso e non direttamente sulle radici;
  6. Ti consigliamo di innaffiare al tramonto, in modo tale che le piante avranno tutta la notte per poter assorbire l’acqua che al contrario, se data in pieno sole, evaporerebbe quasi subito;
  7. Se il tuo balcone si trova in una strada di città molto trafficata, puoi coprire i vasi con un “tessuto non tessuto” (TNT) che eviterà alle polveri sottili di depositarsi sulle piante, permettendo però al sole e all’acqua di filtrare;
  8. Infine, lava bene i tuoi prodotti con il bicarbonato di sodio prima di consumarli!

 

 

Perché è importante la scelta del terriccio?

Quando decidiamo di comprare una pianta oppure iniziare l’avventura dell’orto sul balcone, ci sono alcune spese da dover sostenere.

Se si può risparmiare, a livello economico, sulla scelta del vaso, quello che si deve tenere a mente è l’importanza della scelta del terriccio.

Si tratta infatti della principale fonte di nutrimento del tuo futuro cibo! In questo caso, seleziona solo prodotti di qualità e della tipologia giusta tra quello tradizionale, quello fertilizzato e quello biologico già concimato.

Al terriccio scelto, ti consigliamo di aggiungere della sabbia a grana grossa. La sabbia, che deve essere circa il 10% del totale, è di aiuto al drenaggio dell’acqua.

 

 

Quali ortaggi possono essere coltivati nell’orto sul balcone?

Vi sono numerosi ortaggi che possono essere coltivati facilmente nell’orto sul balcone: come ad esempio le piante aromatiche, le zucchine, le diverse tipologie di insalata, ecc..

Iniziamo la nostra rubrica con due preziosissimi alimenti della dieta mediterranea: la cipolla e i pomodori!

 

La cipolla: una verdura diffusa in tutto il mondo!

La cipolla, presente in innumerevoli varietà, è un prodotto dell’orto ricco di proprietà importanti per la salute e il benessere dell’organismo. È molto utile per regolarizzare la pressione e per depurare il fegato e l’intestino. Fondamentale in cucina, è un vero e proprio toccasana per la salute!

Il periodo più indicato per coltivare le cipolle coincide con la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno.

La cipolla è un ortaggio che, per crescere bene, predilige un clima mite, nonostante sia anche in grado di resistere alle basse temperature. In particolare, ogni giorno, ha bisogno di alcune ore di luce naturale: fai quindi in modo che le piantine siano esposte al sole.

È importante che il terreno in cui scegli di coltivare le cipolle sia fertile. Esse non hanno bisogno di molta acqua per crescere: è necessario intervenire maggiormente con le annaffiature solo nei periodi di siccità, quando il terreno risulta particolarmente asciutto. Presta attenzione e fai il possibile per evitare i ristagni idrici che potrebbero far marcire la tua pianta.

Le cipolle richiedono notevole spazio per poter crescere, sia in altezza che in larghezza, utilizza quindi vasi rettangolari molto lunghi e profondi almeno 30 cm, di conseguenza, prevedi solo qualche piantina per ognuno di essi.

In 40/60 giorni dal trapianto, nel momento in cui lo stelo che fuoriesce dal terreno non risulta secco e ingiallito, le tue piantine saranno pronte per il raccolto!

 

Per un’insalata speciale, aggiungici i pomodori giusti!

I pomodori sono davvero preziosi per la salute: contengono vitamine, fibre e sali minerali. Piatto simbolo della dieta mediterranea e della tradizione alimentare italiana, il pomodoro è un vero e proprio concentrato di proprietà benefiche per la salute, oltre che un ortaggio molto versatile in cucina! In grado di prevenire alcune forme di tumore e malattie degenerative, è un alimento ricco di acqua e quindi molto dietetico, perfetto per chi segue una dieta ipocalorica.

Per poter coltivare i pomodori in vaso, ti consigliamo di scegliere un vaso largo 20/30 cm e profondo almeno 30/40 cm. Inoltre, ti basterà posizionare le piantine nell’angolo più soleggiato del balcone e riparato dal vento.

Durante il periodo di crescita, elimina il fogliame che cresce tra fusto e foglia!

È sufficiente innaffiare la pianta almeno un paio di volte a settimana, preferibilmente dopo il tramonto, durante le ore più fresche della giornata. Presta attenzione e fai il possibile per evitare i ristagni idrici che potrebbero far marcire la tua pianta.

In genere, la pianta del pomodoro produce i suoi frutti circa 40/50 giorni dopo il trapianto.

 

 

Affidati ai consigli degli esperti! Per rimanere sempre aggiornato, segui le nostre rubriche specializzate!